Bianca come la verità, Bianca come te.

Stamattina sull’autobus ho conosciuto Bianca. Bianca è una signora di 51 anni, mi ha chiesto di togliermi le cuffiette mentre stavamo seduti l’uno davanti all’altra. «Che ci trovate di bello voi giovani ad ascoltare la musica? Perché vi chiudete nel vostro mondo? Conoscete gente». Mi sono tolto le cuffiette e Bianca mi ha parlato della sua vita, del suo passato da ballerina, della sofferenza dei suoi genitori perché lei è sempre stata una fuori di testa. L’ultimo film che ha visto è La Pazza Gioia e lei si sente una Valeria Bruni Tedeschi, un po’ pazza e un po’ Bianca lo è sicuramente. Bianca mi ha chiesto di me, mi ha chiesto di raccontarle la mia vita, i miei libri, i miei sogni, «Nello spettacolo cercheranno di mettertela sempre lì dietro: è un mondo così schifoso quello. Ma tu fattela mettere solo da quelli che ti piacciono.» Abbiamo fumato una sigaretta, Bianca è malata e non può fumare quindi ha detto di essersi sballata «manco fosse Marijuana!». Abbiamo parlato degli immigrati, di quella donna magra con la figlia che chiedeva l’elemosina sul treno, di Ozpeteck, del mondo dello spettacolo, del suo mondo, di tutti i gay che ha incontrato e di tutti quelli che ha amato. Poi ha detto anche che un giorno girerà un corto sulla vita metropolitana di Roma, che scriverà un libro per la nipote che vive ai Parioli e che è pazza come lei ma che i genitori non le permettono di esserlo abbastanza. 

Ci siamo salutati a Termini, mi ha dato un bacio e mi ha fatto riflettere tanto, mi ha fatto pensare a quante cose ci perdiamo nella vita, a quante possibilità di imparare ci sottraiamo, a quanti confronti, incontri, per immergerci nel nostro mondo, da soli, con le orecchie tappate e gli occhi ciechi.

Spero di rincontrarti, Bianca, perché di te non ho capito manco il cognome ma ho capito tanto altro. Grazie per essere stata mezzora nella mia vita e avermi concesso di stare, anche a me, un po’ nella tua.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...